Strategia di Marketing Facebook

Lo ripetiamo in continuazione. Senza una buona Strategia di Marketing Facebook, tutti gli sforzi per diventare i numeri 1 del Social sono assolutamente vani.

Prima di lanciarti a capofitto nella pubblicazione di contenuti senza uno scopo preciso e ancor prima di impostare campagne pubblicitarie errate, resta incollato a questo articolo, sarà uno spunto importante su cui concentrarti.

Cominciamo.

Facebook: la strategia di Marketing per sfruttarlo fino all’osso

Innanzitutto, il Social non è da considerare come fine ultimo di una Strategia di Marketing Facebook. Facebook è uno Canale attraverso il quale raggiungere i propri Obiettivi. Per capirci, essere popolari su Facebook non può e non deve essere un obiettivo di una Strategia di Marketing Facebook che sia quantomeno seria.

Inoltre, Facebook è una piattaforma pubblicitaria; quindi, non è gratis. Detto ciò, vediamo insieme i 4 Pilastri Infallibili per Costruire una Buona Strategia.

Una buona Strategia di Facebook Marketing è composta da diverse fasi:

  • Intercettazione Target e Obiettivi;
  • Connessione;
  • Conversione e Monitoraggio;
  • Fidelizzazione;

Intercettazione di Target e Obiettivi

Facebook MarketingIl primo passo è definire il Target di Riferimento, cioè analizzare, studiare e definire chiaramente il proprio potenziale cliente.

Saper riconoscere il proprio pubblico è molto importante.

L’ideale è arrivare ad avere a disposizione tutte le informazioni possibili e creare il profilo di un cliente-tipo.

Perché è importante definire il Target di Riferimento?

Questo primo approccio permette di inserire nel mercato i propri prodotti o servizi rivolgendosi ad un Pubblico Profilato, cioè un gruppo di utenti potenzialmente interessato al tuo business e accomunato dalle stesse caratteristiche e da interessi molto simili.

Facebook, in questi casi, ci fornisce un aiuto in più attraverso il lookalike. In pratica, ricerca nuovi utenti all’interno della propria rete aventi le stesse caratteristiche e gli stessi interessi del nostro primo pubblico di riferimento, in modo tale da formare un nuovo gruppo di utenti che potrebbe con ogni probabilità essere interessato alla tua tipologia di business.

Questa fase è molto delicata, forse la più a rischio dell’intero progetto; è molto facile commettere errori.

Quali sono i rischi di un Target di Riferimento sbagliato?

Sbagliare il pubblico della propria Strategia di Marketing Facebook significa, prima di tutto, rivolgersi a persone non interessate al tuo business. Molte persone credono che un basso tasso di engagement sia dovuto a cattivi contenuti. In realtà, spesso e volentieri, la causa è da riscontrarsi nell’identificazione di un pubblico errato.

È come vendere condizionatori in Antartide. Impossibile!

Inoltre, nel caso di sponsorizzazioni, il rischio si accentua, perché, oltre a sprecare tempo e specialmente denaro in promozioni che non porteranno assolutamente a nulla, c’è la possibilità di incorrere anche in cattiva pubblicità.

Per Approfondire: Perché Definire il Target di Riferimento su Facebook

Analisi dei Competitor

Durante lo studio e l’identificazione del Target di Riferimento, può rappresentare un validissimo aiuto un’accurata Analisi dei Competitor. Come?

  • Identificare i Competitor (max. 3);
  • Studiare il cliente/follower del Competitor (età, sesso, stato sociale, posizione lavorativa, interessi…);
  • Analizzare il comportamento del cliente/follower del Competitor (le azioni intraprese nella Pagina);
  • Verificare le Pagine Facebook dei Competitor (particolare contenuti, frequenza di pubblicazione, risposta da parte degli utenti);

Lo Studio dei Competitors rappresenta nuovo tassello alla Strategia di Marketing Facebook; così, puoi avvantaggiarti ed inserirti nella stessa lunghezza d’onda dei tuoi principali Concorrenti.

Scelta degli Obiettivi di Business

Obiettivi di Facebook Marketing

Un altro tassello basilare per impostare una Strategia di Marketing per Facebook è scegliere i propri Obiettivi di Business.

Il motivo principale per cui un’azienda dovrebbe essere presente su Facebook è sicuramente crescere ed incrementare i propri guadagni. È più che ovvio, improntare del denaro implica sempre un ROI, cioè un ritorno sull’investimento.

Ora, è una motivazione che deve tener conto di tantissime altre variabili. Ad esempio, è inutile curare alla perfezione il proprio Facebook, quando all’interno dell’azienda i dipendenti non sanno interagire con i potenziali clienti o sono capaci di vendere assolutamente nulla. Quindi, c’è sempre il bisogno di un buon compromesso tra Attività Online ed Offline.

Brand Awareness, Lead Generation e Customer Care

Detto questo, capiamo insieme come affrontare la sfida di questa Strategia di Marketing Facebook.

Innanzitutto, andiamo ad individuare i tre obiettivi più importanti:

  1. Brand Awareness (aumento della notorietà del brand)
  2. Lead Generation (generazione di un database di contatti profilati)
  3. Customer Care (attenzione mostrata verso il cliente)

Ognuno di questi può essere raggiunto applicando diverse tattiche, illustrate nella fase Connessione. Ma… Improntando un percorso orientato su questi tre obiettivi, come facciamo a capire se stiamo camminando bene e nella giusta direzione?

Obiettivi Smart

Una delle modalità di identificazione e valutazione degli obiettivi è il Metodo S.M.A.R.T. di Peter Druck, coniato nel 1954, che ha definito 5 criteri. Un obiettivo è:

  1. Specific Specifico (“aumentare la copertura dei post” non è un obiettivo, “aumentare la copertura del 20% rispetto allo scorso anno” lo è)
  2. Measurable Misurabile (deve poter essere quantificato in denaro, in percentuale oppure secondo una scala di valori interna)
  3. Achievable Raggiungibile (deve poter essere raggiunto con gli strumenti che si hanno a disposizione)
  4. Realistic Realistico (hai calcolato se ne vale davvero la pena?)
  5. Time-Based Temporizzabile (può essere legato ad una scandenza?)

In questo modo, saremo sicuri che l’obiettivo sia ben definito, chiaro e misurabile.

  • Come posso misurare l’aumento della notorietà del brand?
  • Come posso formare un database di contatti profilati?
  • Come posso misurare l’attenzione mostrata verso i clienti e i potenziali tali?

Connessione

La fase di Connessione consiste nel riuscire ad “acchiappare” il giusto pubblico. Bisogna interagire con esso e far sì che compia tutte le azioni che vogliamo che compia, come click al Sito Web, acquisti, iscrizioni, ecc…

Pianificazione e Creazione del Calendario Editoriale

Calendario Editoriale Facebook“Non mi serve il calendario editoriale.” “È tempo sprecato.” “Io pubblico già ogni giorno i miei prodotti, a che serve il calendario?” Classiche frasi pressappochiste.

Il Calendario Editoriale è semplicemente fondamentale. Innanzitutto, è utile per far sì che ogni contenuto sia orientato al raggiungimento degli obiettivi. In secondo luogo, è utile per gestire date ed orari, avere un quadro completo delle attività e monitorare i risultati.

Il Calendario Editoriale include:

  1. Data di pubblicazione;
  2. Orario di pubblicazione;
  3. Rubrica (sono contenuti periodici? Rendili omogenei e riconoscibili!)
  4. Tipologia di contenuto (informativo, promozionale, acchiappa-like, dimostrativo…)
  5. Formato (fotografia, immagine, video, link, sondaggio…);
  6. Monitoraggio e Risultati;

Due tool che potrebbero esserti utili per realizzare in maniera ordinata e precisa un calendario editoriale sono Google Calendar, che utilizziamo anche noi, o Trello.

Tipologia dei Contenuti da Pubblicare o Evitare

Realizzare contenuti di valore, che creino engagement, che favoriscano la risposta da parte degli utenti, dimostrando un’ottima customer care, non è per niente semplice. Di seguito, alcuni consigli per la scelta dei contenuti Facebook più efficaci.

  • video, professionali o amatoriali, l’importante è che siano originali;
  • video in diretta, un’ottima maniera per raccontare il proprio brand;
  • fotografie, anche per queste vige la regola dell’originalità;
  • articoli del blog, da sfruttare per aumentare il traffico verso il Sito Web;
  • gif, sono simpatiche, dirette e di grande impatto visivo;
  • offerte, hanno un’altissima percentuale di conversione;
  • regali, competenze o prodotti a titolo gratuito in certe situazioni in cambio di un’e-mail;
  • eventi, coniugando offline ed online;
  • tutto ciò che emoziona il tuo pubblico e che… funziona!

Da evitare:

  • post acchiappa-likes, il nuovo algoritmo di Facebook 2018 azzera la visibilità di questo tipo di contenuti;
  • FAKE NEWS!!! Oltre a non essere eticamente corretto, Facebook sta adottando misure drastiche contro chi crea e diffonde le cosiddette “bufale”! Occhio!

Per Approfondire: È Possibile Arginare il Fenomeno delle Fake News?

Non dimenticare, inoltre, che una buona comunicazione su Facebook deve essere sempre accompagnata da un’ottima customer care. Inoltre, il contenuto sovrano di ogni Strategia di Marketing Facebook è sempre l’autenticità del momento, il saper catturare gli istanti della giornata e condividerli con la propria community.

Conversione e Monitoraggio

Una Conversione è l’azione che un libero professionista, un’attività commerciale o un’azienda desidera far compiere all’utente che visita il proprio “spazio online”.

In poche parole, ottenere una conversione significa raggiungere uno degli obiettivi prefissati in fase di definizione della Strategia di Marketing Facebook. Può consistere in un click al Sito Web, in una richiesta di informazioni, nell’iscrizione ad un servizio o ad una newsletter o un acquisto. Naturalmente, come abbiamo già appurato prima, è molto importante che la conversione derivi e lasci traccia di dati misurabili, per verificarne l’andamento.

Una volta avviata questa Strategia di Marketing Facebook, è importante verificare quali e quanti siano gli obiettivi raggiunti, monitorarne il percorso e stilare dei grafici, dandosi così la possibilità di correggere dove è possibile, di cambiare approccio in caso di fallimento o di attuare nuove Strategie di Re-Marketing.

Fidelizzazione

Come Fidelizzare il ClienteQuarto Step: Fidelizzazione dell’Utente.

Molto spesso, associo a questo termine la parola “costanza”. Ogni attività online deve essere coltivata ogni giorno, con perseveranza, senza stancarsi e senza mollare mai. Il rischio di perdere tutta la community creata è molto alta.

Fidelizzare gli Utenti non è semplice, però neanche impossibile! Il segreto è essere originali, avere creatività e proporre contenuti sempre utili per il proprio Target di Riferimento. Il tutto da attivare parallelamente a fantastiche attività offline pensate per i clienti! 😉

Occorre educare ed educarsi al Social Media Management, una vera e propria disciplina, da portare avanti con impegno e determinazione. Solo così si raggiungono gli obiettivi… Senza fretta, ma senza sosta [cit.].