Il 2018 è ufficialmente iniziato. È il periodo giusto per iniziare a tracciare i primi bilanci, a raccogliere i dati dagli strumenti di monitoraggio ed iniziare a stilare il nuovo social media plan per questo nuovo anno. Allora, tieniti forte, perché metà del tuo lavoro è già pronto: in questo articolo, abbiamo raccolto tutti i Social Media Trends 2018, che potrai (anzi, dovrai!) utilizzare per delineare la tua nuova strategia.

La conferma del Mobile Native

Come quello appena trascorso, il 2018 sarà un anno incentrato interamente sul mobile friendly 📱. Lo abbiamo visto, già dal 2016, la maggior parte dei contenuti viene ormai sviluppata mobile native. Non ci si potrà più accontentare di adattare le caratteristiche desktop a smartphone e tablet, ma bisognerà pensare prima al lato mobile, sfruttandone tutte le opportunità. Vediamo cos’altro ci attende!

Social Network e micro moments: enorme opportunità per l’eCommerce

Abbiamo già abbondantemente parlato dei social network e della grande opportunità che rappresentano per il business, dalla piccola attività locale alla grande azienda. Facebook, Instagram, YouTube… Ogni giorno, milioni di utenti attraversano queste piattaforme. Per questo, ogni impresa è chiamata a mostrare e proporre beni di consumo e servizi al suo pubblico di potenziali clienti.

Per questo motivo, i social networks si rivelano molto proficui per il mondo del commercio online; infatti, secondo una ricerca pubblicata da Marketing Week, il 31% degli utenti utilizza tali piattaforme per decidere cosa acquistare. Non solo! Facebook, ad esempio, dà la possibilità di acquistare direttamente da eCommerce e Shop Online, permettendo inoltre agli utenti di rilasciare recensioni sulla pagina ufficiale. In sostanza, rivestono un ruolo cruciale nella ricerca di un’attività o di un negozio specifico, rientrando, in parte, nella fase di pre-informazione ZMOT (Zero Moment Of Truth) su un determinato bene o servizio.

Facebook ADS: che cosa bolle in pentola?

Attualmente, nel mondo, 70 milioni di aziende possiedono una pagina Facebook; di queste, 5 milioni si pubblicizzano nelle piattaforme di Mark Zuckerberg, compresi Instagram e Messenger.

A questo proposito, Facebook sta testando nuovi strumenti e nuove funzionalità per le imprese.

In alcuni Paesi, sta sperimentando l’opportunità di suddividere il news feed in due parti: una relativa alle notizie ed ai contenuti organici, l’altra dedicata unicamente ai contenuti sponsorizzati. Questo potrebbe essere un cambiamento epocale: dovemmo prepararci alla creazione di contenuti social sempre più coinvolgenti per catturare il pubblico!

Chi non sfrutta la piattaforma pubblicitaria?

Chi ritiene che Facebook sia “pubblicità gratuita”, avrà a che fare con grossi cambiamenti. Quali? Noi ce ne siamo già accorti: la reach organica è in picchiata. Le attività dovranno assolutamente fronteggiare questa problematica, individuando il proprio target di riferimento e stabilendo un budget dedicato a Facebook ADS, altrimenti vedranno azzerarsi visibilità ed engagement.

“Aziende piccole e grandi dovranno fare i conti con una visibilità organica sempre minore e con la necessità di abbandonare definitivamente l’idea di Facebook come Eldorado della visibilità gratuita. Quindi, diventerà ancora più importante il tema del monitoraggio dei risultati, in modo da poter vedere gli effettivi ritorni. La domanda è: quanti brand hanno la forma mentis, le competenze e gli strumenti per riuscire a rendere il Facebook ADS, un investimento e non l’ennesima voce di spesa?”
Veronica Gentili, Esperta di Facebook ADS

Azienda, preparati! Se il 2017 non lo è stato, il 2018 sarà l’anno della tua pubblicità su Facebook!

Contenuti H24: Instagram Stories e Snapchat

Pensati per la fruizione mobile, le Stories sono contenuti effimeri, che si auto-distruggono dopo poche manciate di ore. Le più diffuse sono sicuramente quelle di Instagram, utilizzate da più di 200 milioni di utenti, arricchite continuamente da nuove funzioni, utili soprattutto per le aziende, come sondaggi o link esterni. Segue Snapchat, il quale registra 10 miliardi di visualizzazioni video ogni giorno, dimostrando l’altissimo tasso di visibilità di questa tipologia di contenuti.

Perchè hanno successo?

Le storie, proprio perchè hanno vita breve, nell’utente provocano un aumento della paura di perdere la novità, il contenuto esclusivo, l’autenticità del momento… Così, stimolano il pubblico a rimanere sempre connesso ed a non farsi scappare questo contenuto.

Non sono ancora inclusi nella tua strategia per il 2018?

Sai cosa fare! 😉

Video e Live Streaming: New Content King

Video is The New Content King”, posso tranquillamente affermarlo. Sono sicura, che il 2018 sarà un anno ricchissimo di contenuti video e live streaming. Come faccio a saperlo?

Secondo le statistiche,

  • il 90% dei contenuti condivisi dagli utenti sui social networks è video;
  • l’87% dei marketer utilizza video nelle loro campagne pubblicitarie;
  • l’80% del traffico Internet sarà attribuito ai video entro il 2020;

Oramai, la maggioranza degli utenti preferisce di gran lunga essere lo spettatore di una diretta Facebook, piuttosto che leggere un testo. Ed oltre al colosso di Menlo Park, esistono decine di piattaforme dedicate al live streaming o integranti questo tipo di contenuto.

Come le Stories, il contenuto video, il live streaming in particolare, raccoglie ampissimo assenso per la sua autenticità e immediatezza, in quanto viene percepito dagli utenti come un contenuto diretto e veritiero, non costruito o pianificato, che mostra tutto per ciò che è.

Realtà Aumentata ed Intelligenza Artificiale

Tra i Social Media Trends 2018, troviamo sicuramente Realtà Aumentata e Intelligenza Artificiale.

Con il lancio dei nuovi iPhone, avrai sicuramente sentito parlare di ARKit, il nuovissimo sistema lanciato da Apple, che permette di creare ambientazioni virtuali in luoghi reali, nel quale è possibile trovare amici, giocare ed anche arredare… La realtà aumentata sta prendendo piede sempre più nella vita di tutti i giorni; questi smartphone sono stati progettati e costruiti per questo.

Tutto ciò si riflette nei social networks. Facebook, infatti, ha acquisito diverse start-up, tra cui Oculus VR, il 25 marzo 2014, sborsando 2 miliardi di dollari.

L’obiettivo della realtà aumentata è di far immergere l’utente, o meglio il consumatore, in un’esperienza fuori dall’ordinario. Il suo impatto iniziale sarà incentrato sul mobile game, ma siamo sicurissimi, che presto i social network lanceranno nuove funzionalità e filtri, in grado di sfruttare a pieno la realtà aumentata, già incorporata nei nuovi modelli di iPhone, attraverso un nuovo chip.

Facebook Spaces

Mark Zuckerberg sta lavorando al progetto Facebook Spaces, una piattaforma virtuale, che si avvale della tecnologia dell’Oculus Rift. Si tratta di uno spazio reale condiviso, attraverso cui incontrarsi e connettersi con gli amici attraverso avatar virtuali, per disegnare oggetti in 3D, creare delle storie da condividere su Facebook, fare delle dirette video…

Spaces verrà lanciato nel 2018, dando vita ad un nuovo trend tutto da esplorare.

Chatbot: tutte le novità!

In quest’ultimo anno, abbiamo visto nascere la possibilità di sviluppare bot su Facebook. Tuttavia, non abbiamo avuto modo di veder diffondersi questo tipo di tecnologia.

bot sono degli strumenti, che simulano la conversazione umana, in grado di fornire assistenza 24 ore su 24. Contribuiscono all’instaurazione di rapporti duraturi con i potenziali clienti e migliorare di gran lunga la customer experience.

A questo proposito, viene in aiuto il plug-in di Facebook Customer Chat, di cui ho ampiamente parlato in questo articolo.

Nel 2018, assisteremo sicuramente ad una maggiore presa di coscienza delle potenzialità offerte dal ChatBot, soprattutto grazie alle nuove piattaforme, che consentono di creare bot senza scrivere una riga di codice; infatti, secondo le statistiche, almeno il 30% delle conversazioni sarà assistito da macchine entro il prossimo anno. È chiaro, che questo strumento rappresenta una grande opportunità soprattutto per le aziende molto grandi, in cui molto spesso risulta difficile offrire una esperienza di assistenza rapida, concisa ed efficiente.

Influencer Marketing: aumentano gli investimenti!

L’Influencer Marketing, se ben studiato, converte, stiamo parlando di un dato di fatto. L’importante è saper scegliere e monitorare il return on investment.

Ci hai fatto caso? Crescono quelle aziende, che decidono di affidare un prodotto specifico ad un influencer del settore, per avvicinarsi al proprio target di riferimento e distaccarsi dai vecchi testimonial.

Di chi stiamo parlando? Ad esempio, della nuova campagna pubblicitaria globale di Swarovski, #BrillianceForAll, in cui è presenti la brand ambassador Karlie Kloss, brillante padrona di casa, alle prese con ospiti del calibro di Naomi Campbell, Boy George, Chiara Ferragni, Jourdan Dunn, Fei Fei Sun, Ruby Rose, Maye Musk, Maggie Jiang, Daya, Andres Velencoso, Bryanboy, Anthony Mackie, Nolan Funk, Eric Rutherford e Nathan Owens. Una squadra di numerosi Influencer scelti dal brand, ognuno rivolto ad un target ben preciso.

Che dire… L’Influencer Marketing sarà protagonista anche del 2018!

Bene! Ti ho mostrato tutti i nuovi Social Media Trends 2018, a cui sicuramente noi di Studio Citeroni daremo ampio spazio.

Conosci qualche altro #SocialMediaTrend? Se sì, lascia un commento! Altrimenti…

Buon Anno e un Buon Marketing! 😄 🎉